Saremo presenti agli Italian Agile Days 2015

Anche quest’anno agile42 sarà presente con piacere agli Italian Agile Days 2015, il più longevo evento della comunità Agile italiana. La conferenza si svolgerà sabato 7 novembre a Brescia e sarà preceduta da una giornata di workshop.

Io presenterò la sessione Metriche? Ne bastano solo tre, anzi una in cui discuterò della quantità di informazioni a disposizione di una organizzazione IT: tecnologia, processo, persone, servizi…

Ma quali di questi dati sono veramente importanti? E come dovremmo usarli?  La buona notizia è che in generale solo pochi sono necessari, quella cattiva è che ogni contesto è differente ed è necessario capire caso per caso quali hanno senso e perché, e questo cambierà con il passare del tempo.

Dati, metriche e KPIs se male usati possono generare problemi e portare a cattivi comportamenti. E’ facile interpretarli in modo errato, così come è semplice “barare” con numeri e statistiche. L’approccio Agile e Lean ha molti argomenti di discussione a proposito dell’uso dei numeri.

Spero di vedervi a Brescia!

Esteem and Estimates (Ti stimo fratello)

L’approccio #NoEstimates sta catturando molta attenzione e ha dato vita a discussioni molto accese in rete. Torniamo dunque a parlare di stime, tramite le slide presentate a Better Software 2012 che riprendono alcuni dei temi chiave sull’argomento.

Ci sono aspetti sistemici: il contesto influenza le stime e le stime influenzano il contesto; chi fa le stime non è sempre chi le usa (anzi quasi mai) e ciò influenza come e perché nascono (male), come vengono usate (male) e le disfunzioni che ne conseguono. Tendiamo a usare le stime nell’illusione di sfuggire all’incertezza e alla complessità che sono invece intrinseche alle attività di sviluppo prodotto.

L’ideale sarebbe non stimare ma se si è proprio costretti… Si esaminano allora forecast e commitment, timeboxing e flusso, metriche e contratti.

E per chiudere un richiamo ai valori e ai principi alla base di un uso sano delle stime: trasparenza, condivisione, rispetto.

Agile Awareness per startup TIM #WCAP

La settimana scorsa abbiamo partecipato al processo di formazione delle startup del programma di accelerazione TIM #WCAP 2015 nelle quattro sedi di Milano, Bologna, Roma e Catania. La nostra giornata di Agile Awareness Training ha consentito di illustrare i fondamenti del metodo di lavoro Agile e come si possono adattare alla vita di una startup.

Roberto Bettazzoni a TIM #WCAP 2015 Catania

TIM #WCAP Catania, foto di Luciano De Franco via Twitter

La giornata intensa ha visto spiegazioni alla lavagna, molti post-it e com’è tradizione di agile42 giochi e momenti interattivi di gioco con il Marshmallow Challenge, il Magic Balls Game, la simulazione di un processo Kanban e molti altri.

Il nostro training Agile Awareness è a disposizione di business manager, executive manager, project manager e di tutti quelli interessati a capire come un modo agile di lavorare può migliorare i risultati del loro progetto.

Workshop PMI Lean/Kanban Portfolio Management, Milano 9 maggio 2015

Sabato prossimo sarò ospite del PMI® Northern Italy Chapter per un workshop dal titolo “Dialoghi con… Gaetano Mazzanti: Lean/Kanban Portfolio Management”. La giornata si svolgerà a Milano sabato 9 maggio 2015 presso il SIAM in via Santa Marta 18 dalle 9 alle 17:30.

6valuesObiettivo del workshop è introdurre i partecipanti ai principi e alle pratiche Lean/Kanban e alla loro applicazione al Portfolio Management. Si vedrà come l’approccio Lean/Kanban consente di affrontare in modo trasparente i problemi del bilanciamento e della distribuzione del carico di lavoro, della selezione dei progetti e iniziative da avviare, della massimizzazione del valore generato ottenendo maggiore rapidità e qualità. Saranno inoltre illustrati strumenti quali Lean Project Canvas e tecniche alternative di stima, monitoraggio e previsione.

Maggiori dettagli sono disponibili nella brochure da scaricare. Purtroppo la sala è già al completo, per maggiori informazioni potete contattare il sito dell’associazione all’indirizzo www.pmi-nic.org, sezione Eventi.

Organizzeremo al più presto altri eventi a Milano, contattateci.

Evento Agile for Innovation a Milano

Community manager di agile42 e ScrumMaster, cerco di portare le iniziative dei nostri coach in giro per la Rete.

Siamo molto felici di partecipare all’evento Agile for Innovation organizzato da CEFRIEL che si svolgerà il 3 marzo 2015 a Milano, dalle 9 alle 17:30, presso il DEIB, Dipartimento di Informazione e Bioingegneria del Politecnico di Milano.

Obiettivo dell’evento è esplorare le potenzialità degli approcci Agile nell’ambito di contesti aziendali fortemente orientati all’innovazione. Come coach di agile42 Italia saremo presenti all’evento con due presentazioni per fare il punto su come evolve Agile in Italia e nelle nostre aziende.

Gaetano Mazzanti presenterà L’Agile non è nato per l’innovazione – miti e fatti in cui illustrerà approcci e strumenti che permettono di applicare valori e principi agili alla innovazione di prodotto e di servizi, sia a livello operativo che strategico, il tutto con un occhio anche agli impatti sull’organizzazione.
Partendo dal fatto che l’Agile non è nato per l’innovazione di prodotto, vedremo come la sua evoluzione e le contaminazioni con altre discipline (Lean, Systems Thinking, UX Design, ecc.) lo hanno reso applicabile ed efficace anche nella gestione dell’innovazione.

Roberto Bettazzoni presenterà il workshop Cynefin Lego Game, in cui attraverso la progettazione con mattoncini Lego si possono sperimentare quattro dei cinque domini identificati dal framework Cynefin di Dave Snowden. Il workshop è parte del training Agile Management Framework di agile42 dedicato al management.

Purtroppo al momento le registrazioni alla giornata sono al completo, vi informeremo se ci saranno ulteriori notizie dagli organizzatori, e naturalmente faremo un riassunto dell’evento appena possibile.

Code Dojo Python a PyCon 2014

Il Code Dojo e’ rivolto ad un pubblico di programmatori Python che vogliono provare la pratica del Test Driven Development. Lo svolgimento degli esercizi è preceduto da una breve introduzione teorica ed una dimostrazione pratica, così che anche i neofiti del TDD possono partecipare (è comunque richiesto si saper programmare in Python).

Cos’e’ un Code Dojo? Nelle arti marziali giapponesi il Dojo è “il luogo ove si svolgono gli allenamenti alle arti marziali”. Un Code Dojo è il luogo dove ci si esercita nelle pratiche di programmazione. Questo, similmente alle arti marziali, viene fatto imitando i praticanti più esperti, confrontandosi e condividendo l’esperienze con gli altri programmatori.

Maggiori informazioni sul sito di PyCon Cinque.

Intervista di Mokabyte a Gaetano Mazzanti

Gaetano Mazzanti

Giovanni Puliti mi ha intervistato per Mokabyte nella loro serie di “aperitivi tecnologici”. Una bella chiacchierata, in cui abbiamo parlato delle nostre attività di agile42 Italia, del ruolo del coach (vero o presunto) e della conferenza Lean Kanban Southern Europe 2014 di fine maggio a Bologna, in cui Mokabyte è media partner.

Evento Lean Kanban in Italia il 30 maggio

Community manager di agile42 e ScrumMaster, cerco di portare le iniziative dei nostri coach in giro per la Rete.

Abbiamo il piacere di invitare al primo evento in Italia dedicato a Lean Kanban organizzato sotto l’egida della prestigiosa Lean-Kanban University. Lean Kanban Southern Europe 2014: Modern Managament Methods si terrà a Bologna il 30 maggio per una platea internazionale con la partecipazione dei migliori speaker internazionali che promuovono i valori Lean e il Kanban Method.

È la prima volta che questa conferenza si tiene in Italia ed è un’occasione unica per ascoltare e incontrare personaggi di rilievo mondiale. La conferenza è stata organizzata in una giornata singola, in una location facilmente raggiungibile, per consentire di partecipare e godere di personalità di discussione e networking con un gruppo limitato.

Lean Kanban Southern Europe 2014

Tra gli speaker:

  • David J Anderson, punto di riferimento della comunità Lean Kanban e autore del libro Kanban
  • Bjarte Bogsnes, VP Performance Management Development in Statoil e Chairman della Beyond Budgeting Round Table Europe (parlerà proprio sul tema Beyond Budgeting)
  • Joakim Sundén, Agile Coach in Spotify, che ci parlerà della loro evoluzione Lean da piccola startup a azienda in crescita rapidissima

Qui il programma completo (in via di rifinitura). Il costo della partecipazione è di € 350 ma il prezzo Early Bird fino al 30 aprile è di € 250 (comprende pranzo e due coffee break). In caso di partecipazione di gruppo o richieste speciali (fatturazione, esigenze aziendali, eccetera) non esitate a contattarci.

Potete acquistare il biglietto sullo shop online di agile42.

Speriamo di vederci a Bologna!

Workshop per migliorare la qualità del lavoro!

Community manager di agile42 e ScrumMaster, cerco di portare le iniziative dei nostri coach in giro per la Rete.

agile42 è felice di poter presentare un nuovo workshop dedicato ai professionisti IT e di organizzarlo a Bologna il giorno precedente all’Incontro DevOps Italia 2014. Il workshop introduce i concetti base e illustra un insieme di pratiche utili per migliorare la gestione del flusso di lavoro nei vari ambienti DevOps adottando un approccio service oriented. È una visione pragmatica degli approcci più moderni alla vita lavorativa.

Contesti operativi differenti richiedono una varietà di pratiche e relativi tools. Lo scopo di questo workshop è di fornire una visione il più possibile pragmatica di alcune di queste pratiche e dei loro possibili utilizzi. Questo include una panoramica delle principali metodologie Agili, patrimonio finora dei soli sviluppatori, e relativi esempi affrontati con la prospettiva dei sistemisti.

Il workshop sarà tenuto dai coach di agile42 Roberto Bettazzoni e Gaetano Mazzanti e si svolgerà al T3LAB di Bologna il 20 febbraio 2014 dalle 9 alle 18. Qui i dettagli sul sito di agile42. Continua a leggere

Uno, nessuno, centomila… progetti

A novembre ho partecipato a due delle principali conferenze che parlano di sviluppo e metodologie Agili in Italia: Better Software a Firenze e Italian Agile Days (che ha guadagnato il plurale quest’anno!) a Reggio Emilia. Ho parlato di gestione di un portfolio di progetti secondo l’approccio Lean e Kanban.

Gestire un singolo progetto è un conto, gestire un insieme/portafoglio di progetti è tutt’altra cosa, giusto? Per non parlare di servizi e supporto, tutt’altro contesto e tipo di problematiche, ovvio no? Invece… Incertezza e variabilità: le stesse. Principi e criteri alla base delle decisioni chiave: gli stessi. Cosa fare? chi lo fa? quando? quanto costa ritardare? Lasciare aperte il maggior numero di opzioni, ritardare le decisioni, minimizzare i rischi. E’ “tutto” qui.

Vi occupate di un solo progetto? o di molti progetti in parallelo? lavorate a un prodotto legacy? oppure a un’idea di startup? non gestite “progetti” ma fornite servizi? oppure fornite supporto? scenari molto diversi -> approcci molto diversi, giusto? non proprio. uno, nessuno, centomila progetti? c’è in comune molto più di quanto si possa immaginare: origine e tipologia delle idee e richieste (chi chiede, cosa chiede), criteri di selezione (cosa si fa e cosa no), persone (chi lo fa), metriche (per imparare, migliorare). visualizzare cosa sta accadendo, evidenziare e affrontare blocchi, impedimenti, problemi, gestire l’incertezza e la complessità sono aspetti comuni a tutti questi scenari. è solo/tutto un problema di flusso…

Queste le slide della presentazione per Better Software 2013.

[slideshare id=28151664&doc=bswpira9bss-131112045624-phpapp01]

e il video registrato durante Italian Agile Days